Un appello per fermare l’Italicum

Sul Manifesto del 26 gennaio è apparso un appello, promosso da 29 eminenti giuristi italiani (tra cui Stefano Rodotà, Luigi Ferrajoli e Gaetano Azzariti) per fermare l’approvazione della legge elettorale attualmente in discussione in Parlamento.

I cittadini italiani vogliono una nuova legge elettorale, ma l’Italicum che si sta approvando alla Camera è peggio del Porcellum.

Lo diciamo come giuristi e costituzionalisti, riprendendo il giudizio della Corte Costituzionale, a causa della:

1) lesione dell’uguaglianza del voto e della rap­pre­sen­tanza poli­tica deter­mi­nata, in con­tra­sto con gli arti­coli 1, 3, 48 e 67 della Costi­tu­zione;

2) man­canza pre­vi­sione delle pre­fe­renze che secondo quanto affermato dalla sen­tenza della Corte, ren­de il voto “sostan­zial­mente indi­retto” e pri­va i cit­ta­dini del diritto di “inci­dere sull’elezione dei pro­pri rap­pre­sen­tanti”.

Aggiungiamo che la pro­po­sta dell’Italicum pre­vedendo un innal­za­mento a più del dop­pio delle soglie di sbar­ra­mento, porta alla pro­ba­bile scom­parsa dal Par­la­mento di tutte le forze minori, di cen­tro, di sini­stra e di destra lasciando la rap­pre­sen­tanza alle sole tre forze mag­giori, affi­dandola a gruppi par­la­men­tari com­po­sti inte­ra­mente da per­sone fedeli ai loro capi.

Per tutto questo noi chiediamo che la Camera apporti modifiche sostanziali alla proposta dell’Italicum rendendolo democraticamente e costituzionalmente appropriato all’attuale momento storico e politico. Poichè, così come attualmente formulato, è peggio del Porcellum.

Questi i primi firmatari:

Gae­tano Azza­riti, Mauro Bar­be­ris, Miche­lan­gelo Bovero, Erne­sto Bet­ti­nelli, Fran­ce­sco Bilan­cia, Lorenza Car­las­sare, Paolo Caretti, Gio­vanni Cocco, Clau­dio De Fio­res, Mario Dogliani, Gianni Fer­rara, Luigi Fer­ra­joli, Angela Musu­meci, Ales­san­dro Pace, Ste­fano Rodotà, Luigi Ven­tura, Mas­simo Vil­lone, Ermanno Vitale, Pie­tro Adami, Anna Fal­cone, Gio­vanni Incor­vati, Raniero La Valle, Roberto La Mac­chia, Dome­nico Gallo, Fabio Mar­celli, Valen­tina Pazè, Paolo Solimeno

A questo indirizzo è possibile leggere il testo integrale e aderire all’appello online di Change.org; verrà spedito alla Presidente della Camera e ai capigruppi. A pochi giorni dal lancio dell’appello, i promotori dell’appello hanno quasi raggiunto l’obiettivo delle 5.000 adesioni (mentre scriviamo mancano 40 firme).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...