“Sono qui per restare” – Appunti di lavoro di Francesco Ciafaloni

Su come la crisi ha colpito gli stranieri. Intervento di Francesco Ciafaloni*
Stranieri e disoccupati
Il IV Rapporto annuale sugli immigrati nel mercato del lavoro italiano include i dati del 2013, i primi che tengano conto pienamente della seconda ondata recessiva, che ha colpito gli stranieri (e gli italiani) ben più duramente della prima, e non risentano troppo delle correzioni del censimento del 2011. Il quadro fornito include i confronti con gli altri paesi europei sui flussi in entrata e in uscita e i tassi di occupazione ed è di estremo interesse.

L’unico modo di cogliere la complicazione del quadro è consultare direttamente il Rapporto, perché il mondo è sempre un po’ più vario di come lo si immagina, se si disaggrega per regione, provenienze, condizioni familiari, età. In sintesi segnalerò le caratteristiche che mi hanno colpito di più, per importanza sociale e politica o perché rovesciano stereotipi e luoghi comuni.

Stranieri al lavoro
L’immigrazione in Italia nell’ultimo quarto di secolo è stata soprattutto per lavoro. Certo, i migranti, anche se arrivano da soli e da giovani, hanno poi l’abitudine di richiamare mogli (o mariti) e figli; oppure di sposarsi e di fare figli qui. La modesta ripresa della natalità in Italia di qualche anno fa era dovuta ai figli delle straniere (il 28% di tutti i neonati, a Nord) poi diminuiti perché la crisi colpisce tutti; e   anche le straniere invecchiano. Perciò il tasso di occupazione degli stranieri in età di lavoro (15-65 anni) è nove punti più alto di quello degli italiani, (67,1 contro 58,1) al momento della crisi, nel 2007. Nell’immediato la crisi colpisce gli stranieri meno degli italiani: la differenza resta immutata per un anno; poi comincia a diminuire. Nel 2013 è ridotta a 3 punti. Spero che nessuno sia troppo sorpreso dal maggior tasso di occupazione e dalla diminuzione: i migranti arrivano per lavorare; e i più fragili escono prima.
Credo sia meno noto che in altri paesi d’Europa il tasso di occupazione degli stranieri è molto più basso di quello dei cittadini: 60,7 contro 74,8 in Germania; 53,5 contro 64,8 in Francia, quasi costanti negli anni. Le politiche della cittadinanza (lo ius soli in Francia) o dell’accoglienza (le richieste di asilo in Germania) hanno consentito la presenza di molti migranti come persone, non come lavoratori, contro l’immagine che si tende ad accettare di un’Italia lassista, o generosa, contro un’Europa efficiente, o rigorosa. Anche i flussi raccontano una storia diversa dalla vulgata. Malgrado la crisi, il saldo migratorio italiano resta attivo grazie ai migranti stranieri. Quello dei cittadini italiani è invece negativo, in particolare dal Sud.

*Pubblicato nel n. 216 di Una città. Leggi tutto qui:
http://unacitta.it/newsite/articolo.asp?id=991
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...