Un mare di disperazione

“Cosa sta uccidendo gli americani bianchi di classe media?” L’Atlantic lo scorso marzo aveva intitolato così il pezzo che commentava l’uscita di una nuova indagine di Angus Deaton e Anne Case, gli economisti di Princeton che già nel 2005 avevano lanciato un allarme: mentre i tassi di mortalità di neri, ispanici ed europei migliora, quello dei bianchi peggiora. Continua a leggere “Un mare di disperazione”

Matrimonio “riparatore”

Dopo il Marocco, l’Egitto, la Tunisia e, ad agosto, la Giordania, finalmente anche il Libano ha abrogato l’odiosa norma che permetteva allo stupratore di evitare la prigione sposando la vittima di violenza. L’articolo 522 del codice penale libanese riguardava diversi crimini: stupro, aggressione, rapimento e matrimonio forzato. In base a quella norma, in caso di un “un contratto valido tra l’autore di uno di questi reati e la vittima”, l’iter penale si fermava, e il verdetto, anche se pronunciato, veniva sospeso.
Purtroppo, legislazioni analoghe restano in vigore in alcuni paesi arabi come Algeria, Iraq, Libia, Siria, Kuwait, Territori palestinesi, così come in America Latina, nelle Filippine e in Tagikistan.
In Italia, l’articolo 544 del codice penale (“il matrimonio, che l’autore del reato contragga con la persona offesa, estingue il reato”) è stato abrogato nel 1981, anche grazie al coraggio di Franca Viola.

Morire di carcere

A metà luglio, nel carcere di Ivrea, un uomo di origini tunisine di 37 anni è morto d’infarto, probabilmente per abuso di farmaci.
Sono ormai in molti a denunciare un problema diffuso di abuso di farmaci in carcere.
Il tunisino morto a Ivrea era uno dei 1.811 detenuti stranieri presenti nelle 13 carceri piemontesi. I dati presentati dall’associazione Antigone rilevano come nella regione Piemonte, il 45% dei carcerati sia straniero, un dato molto più elevato della media nazionale che si ferma al 34%.
(Ristretti Orizzonti)

Ma infine, cosa c’è scritto nel corano?

L’islamologo Rachid Benzine (che abbiamo intervistato nel n. 235 di Una città), e il regista Ismaël Saidi hanno da poco pubblicato un piccolo manuale, costruito sotto forma di dialogo, per capire cosa dice (e cosa non dice) il Corano. Un modo per affrontare un problema che attanaglia tutte le religioni, perché come ha felicemente commentato un rappresentante della comunità ebraica francese: “Abbiamo tutti i nostri barbuti”. Continua a leggere “Ma infine, cosa c’è scritto nel corano?”

Musulmani contro il terrorismo

Sabato, un trentina di leader religiosi ha intrapreso un tour europeo nei luoghi colpiti da attentati effettuati in nome dell’islam. Partenza dai Champs-Elysees: 4000 chilometri da Berlino a Nizza, passando per Bruxelles. Un “pellegrinaggio della memoria”, dice Bernadette Sauvaget, che ne parla su “Liberation”. A promuovere l’iniziativa Hassen Chalghoumi, l’imam di Drancy, portavoce del dialogo interreligioso, in particolare tra musulmani ed ebrei. Continua a leggere “Musulmani contro il terrorismo”

Walmart chiude

Sappiamo cosa succede quando apre un centro commerciale: arrivano posti di lavoro, si rianima la località e però chiudono i negozietti. Sul “Guardian”, Ed Pilkington ha dedicato invece un lungo reportage alla chiusura di un punto vendita Walmart, la famosa catena di supermercati americana. A McDowell County, West Virginia, area di miniere da tempo in via di spopolamento, dove l’aspettativa di vita è di 64 anni e anche le chiese se ne vanno, dieci anni dopo la sua apertura, Walmart ha chiuso. Già a gennaio aveva annunciato che avrebbe chiuso 269 negozi, 154 negli Usa e così è stato. Continua a leggere “Walmart chiude”

Dna cinese

La Cina ha iniziato a schedare geneticamente milioni di suoi cittadini incensurati; tra questi: attivisti, dissidenti, migranti e minoranze. Human Rights Watch ha denunciato una prassi ingiustificata oltre che priva di qualsiasi trasparenza in merito a modalità di raccolta e uso dei dati. L’operazione ha preso l’avvio nello Xinjiang, proprio dove vivono gli Uiguri, minoranza musulmana da tempo nel mirino del regime. Ai diciassette milioni di abitanti di questa regione il dna è stato prelevato nel corso di un “controllo medico” Continua a leggere “Dna cinese”

Il Corano e le donne

“La rivuoi indietro viva o vuoi il suo cadavere?”. Così il marito di Jahanara si era rivolto alla madre di lei dieci anni fa. Jahanara quella stessa notte aveva posto fine a quel matrimonio violento abbandonando la casa e i suoi quattro figli. Da allora il marito non le ha più permesso di vederli, nonostante vivano nella stessa città, Jaipur. Non le paga gli alimenti e ha anche rifiutato di darle quei 15 grammi d’oro che i musulmani sono tenuti a dare alle mogli dopo la fine del matrimonio. Continua a leggere “Il Corano e le donne”

Despatarrado

“Despatarrado”, parola spagnola che significa stravaccato, spaparanzato, ma che indica anche la posizione, tipicamente maschile, dello star seduti con le gambe aperte nei mezzi pubblici. Qualche settimana fa la sindaca di Madrid, Manuela Carmena, eletta nelle liste di Podemos, ha avviato una campagna per invitare gli uomini a stare composti in bus e metro. Tra i promotori della campagna l’associazione “Mujeres en lucha y madres estresadas” (Donne in lotta e madri stressate). Continua a leggere “Despatarrado”

Big G

A fine giugno, Google ha annunciato che sospenderà la pratica di esaminare il contenuto delle email dei suoi utenti Gmail, pratica giustificata con la volontà di offrirci annunci pubblicitari personalizzati. Per qualcuno la notizia, per la verità, potrebbe essere che fino ad oggi Google, detto anche Big G, aveva regolarmente “letto” i suoi messaggi, ma tant’è: lo scambio tra accesso a servizi e cessione di informazioni personali avviene ormai quotidianamente, anzi più volte al giorno. Continua a leggere “Big G”