Cinesi in Africa

Il “New York Times” ha pubblicato un lungo reportage sui cinesi in Namibia, un paese che conta 2,5 milioni di abitanti (un decimo della popolazione di Pechino), in particolare sul progetto in corso nella baia di Walvis dove i cinesi stanno costruendo una penisola artificiale dell’estensione di quaranta campi di baseball per potenziare il porto. Altro

Le elezioni e i franco-algerini

In Francia ci sono 764.000 franco-algerini. In queste settimane sono stati invitati a votare per elezioni legislative algerine che si tengono presso i vari consolati in Francia. Sofia, 20 anni, è una di questi e a “Le Monde” ha spiegato che per l’Algeria non andrà a votare, non è interessata. Oggi si sente francese ed è molto sulle spine per il secondo turno delle presidenziali. Altro

Morire di carcere

Un detenuto originario di Racconigi si è suicidato questa mattina (3 maggio) in carcere a Saluzzo. L’uomo stava scontando una pena per furto, la scarcerazione sarebbe avvenuta a novembre. (lastampa.it)

Povertà

Negli ultimi decenni, la quota delle persone che vivono in “estrema povertà” (cioè con meno dell’equivalente di 1,9 dollari al giorno) è precipitata. Secondo la Banca mondiale, nel 1981 c’erano 1,9 miliardi di persone “estremamente” povere e i poveri contavano complessivamente il 42% della popolazione mondiale. Nel 2013 “solo” 767 milioni di persone risultavano povere, meno dell’11%. Altro

Primo Levi sul lavoro…

“Se si escludono istanti prodigiosi e singoli che il destino ci può donare, l’amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi) costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra: ma questa è una verità che non molti conoscono”.
(La chiave a stella, Primo Levi, Einaudi 1978)

Sul reddito di cittadinanza

Sul numero primaverile di “Dissent”, Alyssa Battistoni dedica un lungo saggio all’Universal basic income (Ubi), il nostro reddito di cittadinanza. L’idea, che non è nuova, piace a molti: al Movement for Black Lives, ad Andy Stern, già presidente di Seiu, il sindacato americano dei lavoratori dei servizi, a Corbyn come ad Hamon. Battistoni fa notare che a promuovere l’Ubi oggi negli Usa sono anche i tecnocapitalisti e che alcuni sperimenti pilota, come quello che partirà in Oklahoma, è promosso da privati. L’Ubi risponderebbe in questo caso a una sorta di “noblesse oblige” dei vincenti della globalizzazione verso i perdentiAltro

Web democracy

Si parla molto di democrazia diretta e di web democracy. Dal 2007, Mark Klein, del Center for Collective Intelligence del Mit di Boston, sta lavorando al cosiddetto Deliberatorium, una piattaforma online fondata su alcune idee tratte dalle teorie dell’argomentazione e del social computing (un’area di ricerca multidisciplinare che studia le intersezioni tra sistemi informatici e comportamenti) per aiutare ampi gruppi di persone a confrontarsi e a trovare soluzioni a problemi complessi dove si incontrano e scontrano interessi diversi. Altro

Un nuovo muppet

I “Muppets”, show televisivo di burattini nato nel 1969, stanno per introdurre un nuovo personaggio: Julia, che ha 4 anni, i capelli rossi e gli occhi verdi, e la tendenza a ripetere ciò che è stato appena detto. Julia è affetta da autismo. Stacy Gordon, la burattinaia che la anima, ha un figlio con una condizione che ricade nello spettro dell’autismo, e ha esperienza come animatrice per persone affette da autismo. “Mi sarebbe piaciuto, in passato, che i bambini che sono stati compagni di classe di mio figlio avessero avuto un modello di riferimento come quello di Julia”.
Il nuovo personaggio è piaciuto al pubblico, e Gordon ha raccontato che una signora le ha scritto per ringraziarla perché, parlando di Julia, era riuscita a spiegare alla propria figlia quale fosse la sua malattia. (npr.org)

Batteri

L’organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato la lista dei dodici batteri che oggi costituiscono una grave minaccia al mondo intero per la loro resistenza agli antibiotici, anche di ultima generazione. Circa 700.000 persone ogni anno muoiono a causa di un’infezione non trattabile con antibiotici. Altro

Una lingua comune

Il 30 marzo, a Sarajevo, è stato presentata la “Dichiarazione sulla lingua comune”, un testo redatto da Ong e linguisti provenienti da Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Croazia e Serbia, in cui si rivendica una lingua comune, ma “policentrica” e si stigmatizza ogni tentativo di strumentalizzare la lingua per dividere le popolazioni. Finora, più di duecento linguisti, scrittori, scienziati, e altre figure pubbliche hanno sottoscritto il documento. Nonostante ogni paese abbia la propria lingua nazionale, le gente non ha mai avuto problemi di comprensione. Altro